CONSORZIO POLIZIA LOCALE

VALLE AGNO

Distretto Polizia Locale VI4B - C.so Italia 63/D - Valdagno

AREA RISERVATA
 Aiuto?
Condividi su...

Oggetti smarriti e oggetti ritrovati

Sono poco noti e talvolta ignorati i doveri ed i diritti relativi al ritrovamento di cose.

In questa sezione verranno trattate solo le cose smarrite dal proprietario, con esclusione quindi delle cose abbandonate volontariamente, le quali diventano immediatamente di proprietà del ritrovatore e con esclusione anche delle cose sottratte furtivamente e poi perdute, le quali costituiscono corpo del reato e vanno sequestrate e messe a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

La gestione delle cose ritrovate (biciclette, chiavi, portafogli, ecc.) è disciplinata dal codice civile, negli articoli dal 927 al 931 e la competenza è del Comune.

Chiunque rinvenga oggetti in circostanze tali da far presume che siano stati smarriti, è tenuto in primo luogo a riconsegnarli al legittimo proprietario se questo è conosciuto, altrimenti dovrà consegnarli al Comune.

A chi rivolgersi
Polizia Locale - Ass. sc. Enzo Tomasi
Via Corso Italia n. 63/D - 36078 Valdagno
Tel: 0445.1885999 - Fax: 0445.401728
E-mail: segreteria@plva.it
PEC: consorzio.valleagno@pecveneto.it

Info
All'atto della consegna dell'oggetto smarrito all'Ufficio della Polizia Locale, al ritrovatore verrà rilasciata una ricevuta.

Successivamente l'Ufficio farà le opportune indagini al fine di rintracciare il proprietario dell'oggetto smarrito e nel caso in cui l'esito sia negativo, darà notizia alla popolazione del ritrovamento mediante pubblicazione all'Albo Pretorio del Comune di un avviso che rimarrà affisso per due domeniche consecutive e per 3 giorni ogni volta (art. 928 c.c.).

Trascorso un anno dall'ultimo giorno di pubblicazione dell'avviso senza che il proprietario si sia presentato per reclamare l'oggetto, la cosa ritrovata verrà restituita al ritorvatore, che da quel momento diventerà egli stesso proprietario.

Nel caso in cui, invece, entro l'anno dalla pubblicazione, si presenti il proprietario, dopo le opportune verifiche, l'oggetto verrà consegnato a questo, il quale però ha il dovere di corrispondere al ritrovatore a titolo di premio, una somma di denaro corrispondente ad un decimo del valore dell'oggetto, se il valore è inferiore a € 5,16 e un ventesimo per la parte eccedente.

ll proprietario,  per ritirare l'oggetto depositato, deve pagare ai sensi dell'art. 929 del C.C. ultimo comma, una somma a titolo di rimborso delle spese occorse per il deposito nella misura stabilita delibera del Consiglio di Amministrazione del Consorzio n. 4 del 15/01/2013 per ogni giorno di giacenza fino all'anno, calcolato dal terzo giorno successivo di comunicazione all'interessato, pari a euro/giorno 0,50.


« Torna indietro
PAGO PA Regione Veneto Comune di Valdagno Comune di Recoaro Terme
Comune di Cornedo Vicentino Comune di Castelgomberto Veicoli Rubati Il portale dell'automobilista
Osservatorio Prezzi e Tariffe Canile Arzignano AULSS 8 bocconi avvelenati
STORIA DEL CONSORZIO

UFFICI

ATTIVITA'


TRASPARENZA
MODULISTICA